Via S. Nicolò, 23/d Trieste

News

Home > News

Pocket Guide to Italian Cities, 1944

Girovagando per il web abbiamo trovato questa guida alle città Italiane scritta dai militari Americani nel 1944, dove oltre alle città più conosciute come Roma, Milano e Firenze troviamo anche Genova, Bolzano e Trieste!

 

 

Nell’avviso si legge che questa guida può solamente garantire il “terreno”. Il resto risulterà dalla fortuna o sfortuna dettata dalla guerra.

 

Traducendo fedelmente:

“Molte delle città qui descritte sono state da noi bombardate durante il nostro avvicinamento e bombardate anche dal nemico mentre si ritirava.

Molte delle città mostreranno ancora i segni della distruzione svolta durante la conquista e occupazione dai Tedeschi.

Le corti note storiche e le mappe delle città sono esatte al momento dello scoppio della guerra ma in molti dei luoghi descritti in questa guida la guerra si sta ancora combattendo. Potreste scoprire che dei tesori artistici qui descritti possono essere stati saccheggiati o distrutti e potranno passare anni prima di rivederli restaurati. Comunque, alcuni, per vostra fortuna, potrebbero essere rimasti intatti e potrete goderveli pienamente.”

 

 

In questa mappa possiamo notare la linea del Tram sulle Rive ancora attiva, l’Ospedale Reg.Elena poi successivamente rinominato Ospedale Maggiore e la zona di Borgo Teresiano completamente diversa da come la conosciamo oggi.

 

La sezione dedicata a Trieste parla di come la città ha sempre avuto una lunga storia commerciale e industriale, ma “carente per quanto riguarda l’arte e la tradizione” (qui noi triestini abbiamo sicuramente da ridire). Si parla dell’appartenenza della città all’Austria dal 1382 al 1919, poi ritornata all’Italia dopo la prima guerra mondiale. Si specifica che i triestini non erano del tutto innamorati del regno Austriaco e che infatti Trieste è stata un focolaio del patriottismo italiano. Si nomina già Piazza Unità con i suoi palazzi “moderni” e la guida spinge i lettori a visitare la parte vecchia ed alta di Trieste siccome “c’è poco altro da vedere”!

 

La guida ci invita a visitare San Giusto passando per la ripida Via della Cattedrale e approfitta per descrivere i corrimani installati per la Bora (“un vento Adriatico particolarmente feroce”). Descrive anche una piccola “leggenda”: sembrerebbe che, spinte dalle raffiche di Bora, le donne triestine, grazie alle loro lunghe e pesanti gonne, finivano continuamente in acqua dovendo sempre essere ripescate da qualche passante.

Segue la descrizione dell’Arco di Riccardo, della basilica di San Giusto e del Museo Civico di Storia dell’Arte tuttora esistente con il suo lapidarium.

La parte dedicata a Trieste della guida si conclude con il monumento di Johan Winckelmann, la Grotta Gigante, il Castello di Miramare e l’acquario che si trova tra il “Molo Pescatori ed il Molo Venezia”.

 

Riccardo Bolzan
(Responsabile Commerciale & Sviluppo Estero)

 

 

Potete trovare l’intera guida con le altre città in PDF al seguente link: https://goo.gl/nTS27b

 

Trovate la vostra casa o appartamento a Trieste con Gallery Immobiliare cercando la zona di vostro interesse sulla nostra homepage www.galleryimmobiliare.it, scrivendoci sulla nostra livechat, chiamandoci allo 040 7600250 oppure via email ad info@galleryimmobiliare.it

 

 

Condividi sui social